I diritti degli anziani

I diritti fondamentali di tutti, anche di chi non è autosufficiente, e il ruolo dei familiari

Sebbene l’aumento dell’aspettativa di vita sia ritenuto un successo per la medicina e per il mondo moderno, questo comporta per la nostra società nuove sfide e problematiche.

Le persone anziane rappresenteranno, con il passare del tempo, una fetta sempre più consistente della popolazione mondiale.

Ma se già oggigiorno spesso si associa il concetto di anzianità alle difficoltà legate all’età che avanza, allora come affronteremo il futuro?

Può sembrare incredibile, ma purtroppo ancora oggi si verificano situazioni in cui i diritti fondamentali della persona vengono meno. Nel caso degli anziani questo accade specialmente quando i soggetti non sono completamente autosufficienti. È pertanto importante conoscere i loro diritti e i doveri dei familiari con cui convivono e che spesso li assistono.

I diritti fondamentali delle persone anziane

Prima di tutto dobbiamo ricordarci, specialmente quando siamo di fronte ad anziani con problemi di salute o di mobilità, o in generale non completamente autosufficienti, che si tratta sempre di persone alle quali vanno riconosciuti i diritti fondamentali della società moderna.

Questa può sembrare un’ovvietà, ma, come abbiamo detto, non è raro imbattersi in situazioni in cui i diritti basilari vengono pressoché negati ai soggetti anziani.

Proprio per questo non è scontato nemmeno citare la Carta dei diritti dell’Unione europea, che all’articolo 25 parla di diritti degli anziani, affermando che “l’Unione riconosce e rispetta il diritto degli anziani di condurre una vita dignitosa e indipendente e di partecipare alla vita sociale e culturale ”.

Dignità, indipendenza e partecipazione sono le parole chiave di questo articolo e quelle che meglio possono riassumere i diritti fondamentali delle persone anziane.

Vediamo però più nello specifico a cosa possiamo fare riferimento nella vita di tutti i giorni parlando di tali diritti.

Poter condurre una vita dignitosa e usufruire delle proprie libertà è particolarmente importante per le persone anziane che spesso, per problemi di salute legati all’invecchiamento, si trovano a dover dipendere dall’aiuto di altri soggetti, familiari o meno.

Anche in questi casi gli anziani hanno diritto a dignità, libertà e benessere psicofisico. Dipendere dagli altri per alcune cure non deve significare la perdita di autonomia e del rispetto altrui.

Direttamente legato a questo tema è il diritto all’autodeterminazione. Anche quando ci si trova a dover dipendere da altri, si ha diritto a fare le proprie scelte e a vedere rispettate le proprie volontà.

Inoltre, è fondamentale il diritto al consenso informato e all’informazione. Benché a volte costrette ad affidarsi ad altri per cure e per svolgere attività quotidiane, le persone anziane hanno sempre il diritto di venire informate in maniera corretta e consapevole, per esempio sui trattamenti da intraprendere, sugli aiuti necessari e sulle sue condizioni di salute.

Allo stesso tempo la persona anziana che viene assistita ha sempre diritto al completo rispetto della propria privacy e a ricevere cure appropriate alle sue condizioni nel rispetto dei suoi desideri.

Non si tratta solo di salute fisica, perché le persone anziane hanno anche il diritto di partecipare alla vita sociale e alle attività culturali che desiderano e l’età non può essere considerata una discriminante. Gli anziani devono essere inclusi nella società, devono poter portare il loro contributo ed esprimere convinzioni e valori come farebbe chiunque altro.

Questi appena elencati sono in realtà i diritti di tutti, indipendentemente dall’età. Ma nel caso degli anziani devono essere ribaditi proprio per evitare che vengano negati quando i soggetti, per condurre una vita normale, devono dipendere da terzi.

A tal proposito risulterà utile approfondire un altro aspetto, e cioè andare a vedere quali sono i diritti e i doveri dei familiari che assistono persone anziane. Come devono comportarsi, quali aiuti possono richiedere e quali diritti della persona anziana non possono dimenticare?

I doveri dei familiari e gli strumenti per difendere i diritti degli anziani

Le persone anziane hanno diritto non solo a ricevere cure appropriate, ma anche ad essere assistite dai propri figli nel momento del bisogno.

Non conta quanti siano i figli e chi di loro effettivamente si faccia carico dell’assistenza. L’importante è che la persona anziana sia aiutata dai propri familiari, quando necessario, e non sia abbandonata a se stessa.

Questo significa, per esempio, che se la persona anziana ha bisogno di un aiuto per muoversi, i figli dovranno occuparsene e valutare le varie opzioni: potrebbero usufruire di un assistente a domicilio che aiuti la persona nei movimenti, oppure potrebbero decidere di installare un montascale a poltroncina per facilitare gli spostamenti in casa. Se ci sono problemi di salute che costringono la persona a letto, i familiari potrebbero decidere di occuparsene personalmente oppure di rivolgersi ad associazioni o strutture esterne nate per fornire assistenza agli anziani.

In ogni caso, e qualunque sia l’opzione scelta, l’importante sarà fornire assistenza al soggetto, rendendolo consapevole della propria condizione, senza negare le sue libertà.

Non finisce qui: il diritto all’assistenza diventa ancora più importante nei casi in cui sia diagnosticata una demenza senile.

Se la diagnosi non è così grave da comportare il ricovero in una struttura apposita, la persona anziana potrà continuare a vivere in casa propria o presso i figli, prendendo le giuste precauzioni, affinché l’ambiente sia sicuro e confortevole.

Nel caso si opti per il ricovero, il soggetto ha il diritto, se le sue condizioni glielo permettono, di decidere quando e dove farsi ricoverare.

Infine non dimentichiamo che gli anziani hanno diritto anche a un aiuto economico da parte dei figli, quando, per esempio, non si ha la pensione o quando quella percepita non è sufficiente al sostentamento. Anche quando si soffre di gravi problemi di salute che non permettono più di lavorare, i figli hanno il dovere, se è loro possibile, di fornire un aiuto economico. Questo dovrà essere proporzionato alle condizioni economiche di ciascuno, e sarà da suddividere in caso i figli siano più di uno.

Qualora gli stessi figli non abbiano i mezzi economici per aiutare il genitore anziano, sarà loro dovere almeno offrirgli ospitalità nella propria casa. Nel caso in cui non venga raggiunto alcun tipo di accordo tra i soggetti obbligati, potrà intervenire un giudice.

Dopo aver esaminato i doveri dei familiari nei confronti delle persone anziane, non scordiamo un’altra cosa molto importante: esistono anche i diritti di chi dà assistenza.,  Ci sono in particolare degli strumenti con cui i familiari possono effettivamente difendere i diritti dei loro parenti anziani.

Un esempio è l’indennità di accompagnamento, un risarcimento economico che viene riconosciuto se il soggetto non può deambulare in maniera autonoma e ha quindi bisogno costantemente dell’aiuto di un accompagnatore, oppure se in generale si tratta di una persona che ha bisogno di continua assistenza per compiere tutte le azioni quotidiane.

Per ottenere l’indennità di accompagnamento ci si deve rivolgere all’ASL, facendo fare domanda direttamente al soggetto interessato oppure al suo legale rappresentante o tutore.

Un altro strumento molto utile è la legge 104 che consente ai familiari di richiedere permessi speciali per potersi assentare dal lavoro e dare assistenza alla persona anziana. Per tutte le informazioni bisogna rivolgersi all’INPS oppure direttamente al datore di lavoro.

Infine non dimentichiamo che le persone anziane possono usufruire dell’esenzione dal ticket sanitario. I casi però possono variare da regione a regione, per questo per informazioni consigliamo di contattare direttamente l’ASL.

In conclusione, come abbiamo visto, i diritti degli anziani non sono che un’affermazione di quelli che già tutti noi, come persone, abbiamo. È necessario però porre l’attenzione sul tema specifico dei diritti degli anziani, per far capire quando questi vengono violati e cercare di evitare situazioni simili in futuro.